NEWSLETTER
Ricevi ogni mese notizie su eventi e mostre

Accetto privacy
















27/2/2021


Italy
27 Febbraio 2021
Coppa Città della Pace
Luogo: Riva del Garda (TN) - Italy
Sito internet: www.coppacittadellapace.com
Prezzo di iscrizione: 390 euro



Al termine delle iscrizioni
Al giorno della gara


L'edizione 2021 bussa già alle porte
Il 27 febbraio la «Coppa Città della Pace»

Una «Coppa Città della Pace» tira l’altra. Nemmeno il tempo di archiviare la 27ª edizione, che dopo due rinvii dettati dalla pandemia si è finalmente svolta lo scorso 21 novembre, che per la scuderia Adige Sport è già tempo di organizzare la 28ª, tornata nella sua collocazione temporale abituale, ovvero alla fine del mese di febbraio, per la precisione sabato 27.
La competizione sarà naturalmente ancora valida quale tappa del Campionato italiano di regolarità per auto storiche, il Cireas, e sarà la seconda in calendario dopo la «Coppa Giulietta e Romeo» del 6 febbraio. Lecito attendersi di trovare al via i migliori binomi italiani, che dopo una stagione vissuta a singhiozzo, o annullata del tutto, come quella passata, hanno una gran voglia di tornare a competere sulle strade di tutta Italia sul filo delle penalità.
La novità, rispetto alle ultime due edizioni, sta nel fatto che partenza e arrivo tornano nella sede naturale della Vallagarina, dato che lo start sarà dato dall’Hotel Nerocubo, vicino al casello autostradale di Rovereto Sud, mentre il traguardo sarà allestito presso la Cantina Vivallis di Villalagarina. Il percorso sarà innovato inserendo un nuovo tracciato che valorizzerà la Val di Ledro, pur rimanendo al solito ancorato, anche motivi climatici, al Trentino sud-occidentale. La sosta pranzo questa volta sarà ubicata a Dro.
A novembre il successo arrise alla coppia composta dai bergamaschi Guido Barcella e Ombretta Ghidotti, in gara con una Porsche 356 C del 1963, che precedettero i bresciani Alberto e Federico Riboldi, in gara con una Fiat Balilla 508 S Barchetta del 1933. Nell’albo d’oro vi sono tutti i nomi più prestigiosi della specialità che hanno preso parte a queste gare negli ultimi vent’anni, non ci sono quindi dubbi che anche quest’anno toccherà ad un big saliure sul gradino più alto del podio.






8)Luca il 6/3/2014 scrive:
A FORTIN-PILE’ LA VITTORIA NELLA XXI COPPA CITTA’ DELLA PACE PIU’ BAGNATA E AVVENTUROSA DELLA SUA STORIA.


Si è conclusa fra scrosci d'acqua e sotto la luce dei fari di profondità la XXI edizione della Coppa Città della Pace, gara di Campionato Italiano CSAI di regolarità classica, riservata alle auto storiche e moderne, organizzata a Rovereto il 1° marzo dalla scuderia Adige Sport con Luca Manera e Remo Trinco registi di tutta la manifestazione.

Un tempo implacabile per tutto il pomeriggio e la sera della gara, con pioggia battente sulle prove in notturna che ha messo a dura prova gli equipaggi, ma che dato forti emozioni ai 98 equipaggi partiti da Rovereto alla mattina del 1° marzo.

Parterre de rois al via, con ben 25 top driver e 38 driver A, a conferma della validità della gara trentina anche negli anni passati, ancor prima di essere gara titolata, vedeva la presenza dei più bei nomi della regolarità italiana.

Dopo una prima metà di gara sotto un cielo minaccioso, ma immobile, che ha toccato gli splendidi paesaggi dei laghi Trentini di Garda e Ledro si arrivava alla sosta pranzo con una classifica combattutissima, con passaggi entusiasmanti, non si contano piu’ i “netti” che abbondano a dimostrazione della qualità dei partecipanti, e Pierluigi Fortin e Massimo Politi a pari merito con una media penalità inferiore al 3 e ad una sola penalità Alberto Riboldi, con Vesco nono a 10 penalità e Giuliano Canè decimo a sole 14 penalità con quindi almeno 10/15 equipaggi che potevano ancora lottare per la vittoria.

Dal Lago di Ledro si rientrava quindi verso Rovereto e mentre il tempo si faceva sempre piu’ minaccioso si arrivava a metà gara con Fortin che allungava decisamente e dopo 24 PC era primo con 56 penalità ( media stratosferica di 2.33) seguito dai rimontanti Salviato (a 18 penalità di ritardo), Vesco, Canè e Politi retrocesso al 5° posto con un distacco ormai importante di ben 27 penalità.

Nel pomeriggio è iniziato il diluvio, che si è protratto fino a tutta la serata per questo appuntamento, che aveva previsto il fascino delle prove in notturna su un percorso molto bello e articolato, con veri spunti da competizione in pista nelle prove del circuito kart di Ala ed una parte di cronometrate a sterrato puro sulla pista della Protezione Civile a Marco, presso Rovereto.

Fari alogeni puntati verso il buio, goccioloni di pioggia e vere e proprie secchiate d'acqua sollevate dagli pneumatici hanno messo alla prova le auto soprattutto le più datate, fra cui la bellissima Fiat SIATA 514 del 1930 del futuro vincitore fra le Top Cars,Andrea Vesco, che non si è lasciato intimidire dalle difficoltà ed alla fine ha portato alla vittoria la sua veterana, ma altri nulla hanno potuto contro le intemperie con scrosci che raramente si sono visti in queste zone, dovendosi ritirare.

Inconveniente alla pista dei Kart per Salviato che subiva la rottura del cavo della frizione ma decideva comunque di continuare conquistando con i denti un meritatissimo 3 posto finale nell’assoluta.

Al sospirato traguardo giungeva quindi vincitrice assolututa la coppia Fortin- Pilè del CAMS Rovigo, con una più maneggevole A112 Elite del 1982 con 109 penalità e una media inferiore a 2.,n secondo posto nell'assoluta per il vincitore delle top cars Vesco, in coppia con Guerini distanziato di 34 penalità. Terzo posto per il duo Salviato-Moglia su A112 Abarth, anch'essa dell'82 nonostante gli inconvenienti, e un quarto posto per la coppia Giuliano Canè-Lucia Galliani, sulla loro sempre affidabile Lancia Aprilia del 1938.

Premio alle scuderie con al primo posto la Franciacorta Motori, mentre hanno meritato un particolarissimo applauso i fratelli Bellini della Franciacorta Motori, che con la loro giovane età fanno ben sperare per il futuro di questo sport.

Percorso inedito in buona parte della gara quest'anno, se si escludono i classici passaggi per il lago di Loppio e le pendici del lago di Garda, con in più la sosta sull'incantevole laghetto di Ledro, purtroppo non apprezzato in tutta la sua bellezza per il maltempo.

Conclusione e premiazioni con bellissimi trofei, fra i quali un dipinto ad olio dell'artista locale Bartolini, con un'auto storica stilizzata, che è andato al primo classificato delle Top Car Vesco, e che da ora sarà la locandina della manifestazione, ed una splendida cena nel ristorante Nerocubo di Rovereto durante le quali, dopo l’intervento dell’Assessore allo Sport del Comune di Rovereto sig. Franco Frisinghelli, che patrocinava la manifestazione, gli organizzatori hanno voluto ringraziare e applaudire i Cronometristi e i commissari di percorso che sotto un’acqua incessante e torrenziale hanno prestato la loro opera portando a termine una edizione che verrà ricordata si per la bellezza e la tecnicità del percorso ma anche per la durezza delle condizioni meteo, sicuramente imprevedibili per il periodo.
Voto: 6
7)Luca il 9/2/2014 scrive:
Nuovi aggiornamenti sul sito:
- scheda di iscrizione
- ospitalita'
- NUOVA TDT CORRETTA SU RICHIESTA CSAI
- RADAR DELLA GARA
- MENU DEL PRANZO DI GARA E DELLA CENA ALLE PREMIAZIONI

A Presto e Buona Domenica
Voto: 6
6)Luca il 12/1/2014 scrive:
Primi aggiornamenti di peso sul sito:
Pubblicata la TABELLA DISTANZE E TEMPI (in via di controllo sui tempi ma esatta sulle distanze) e MAPPA DELLA GARA INTERATTIVA: cliccando sul nome delle località sede delle P.C. si potrà vedere la piantina delle stesse.....
Prossimo aggiornamento: Scheda di iscrizione...
Buona domenica a tutti
Voto: 6
5)Luca il 10/1/2014 scrive:
Giuste le critiche dell edizione2013, ma quest'anno si torna all'antico, cercando di migliorare facendo tesoro degli errori dello scorso anno.
Quasi tutte le pc non si ripetono o vengono percorse nel senso opposto, praticamante ogni pressostato viene percorso al massimo due volte, panorami dei laghi di Garda e Ledro e i luoghi tecnici della pista di ala e del centro di addestramento della protezione civile o la storia moderna del mart oltre all'ospitalità del hotel Nerocubo, qui tutta la logistica, verifiche, partenza, arrivo, direIone gara, cena e premiazione e il pranzo in riva al lago di Ledro......
Che dire di altro ...... Ah si 180km e 53 pc.
Tutto su www.adigesport.it o sulla pagina facebook dedicata.
A presto
Voto: 6
4)michele il 8/3/2013 scrive:
... peccato, non è piú la gara degli anni fà dove si percorreva un pò di strade su e giù,
2 passaggi per non esagerare con i cronometristi ok, andare su e giu non è molto motivante.
per quelli 20 che voglion fare 3 centesimi non posso parlare, per quelli che vogliono fare un giro, vedere qualche strada di montagna definitivamente era una giornata persa :-(

Altri commenti:   1  2  3  

Il podio della gara nella piazza del Mart Nuove leve dei Crono, perfetti in tutta la gara Foto Gianluca Baldessari

Gare d’Epoca.com - Corse auto d'epoca, mostre auto d'epoca, eventi auto d'epoca, raduni auto d'epoca
E’ proibita la riproduzione, anche parziale, senza un link a questo sito
Gare d’Epoca asd. - P. Iva 03147750982 -