NEWSLETTER
Ricevi ogni mese notizie su eventi e mostre

Accetto privacy
















28/3/2020


Italy
28 Marzo 2020
Coppa Città della Pace
Luogo: Riva del Garda (TN) - Italy
Sito internet: www.coppacittadellapace.com
Prezzo di iscrizione: 390 euro



Al termine delle iscrizioni
Al giorno della gara


Toccherà anche quest'anno alla «Coppa Città della Pace», organizzata dalla scuderia roveretana Adige Sport, aprire le ostilità nel Campionato Italiano di Regolarità per Auto Storiche. La competizione trentina, che si svolgerà sabato 23 febbraio, è infatti il primo di dieci appuntamenti, che porteranno i gentlemen driver in Sicilia, nel Lazio, nella Repubblica di San Marino, in Emilia Romagna, in Toscana, in Campania, due volte in Lombardia e infine in Piemonte. Il calendario del 2019 annovera dunque tre gare in meno rispetto a quello precedente, un fattore che aumenta il peso specifico, ai fini della classifica finale, di ogni competizione.
La novità più importante riguarda lo spostamento del baricentro dell'evento, che dopo aver gravitato per tanti anni sulla città di Rovereto, dove erano tradizionalmente allestiti, quartier generale, partenza e arrivo, questa volta darà lustro a Riva del Garda. Il trasloco è il frutto di una nuova collaborazione fra Adige Sport e Apt Garda Trentino, che si è proposta con entusiasmo per supportare la prestigiosa gara, intravedendovi interessanti opportunità di promozione turistica.
Rispetto alle edizioni precedenti va poi segnalato che quest'anno, per la prima volta, la gara è valida anche per il neonato Campionato Italiano di Regolarità per Auto Moderne, ovvero tutte quelle immatricolate dopo il 1992. Trattandosi di una novità è difficile prevedere quanti equipaggi aggiuntivi porterà al via a Riva del Garda.
Il 23 febbraio le vetture partiranno dal Palacongressi e chiuderanno la propria galoppata a velocità rigorosamente controllata in Piazza 3 Novembre, una cornice davvero suggestiva per veicoli che in taluni casi vantano addirittura 80 anni di vita. Il tracciato proporrà ai concorrenti strade già battute in passato e altre nuove, per quanto concerne la sosta per il pranzo, la località prescelta è Fiavé. In quanto alle verifiche tecniche e sportive del venerdì pomeriggio, esse saranno ospitate dal Grand Hotel Liberty, dove per due giorni si stabilirà anche la direzione gara.
Il percorso, ancora in via di definizione, sarà lungo 200 chilometri e sarà costellato da 60 controlli a pressostato e cinque controlli orari. Fuori classifica sarà anche offerta al pubblico una spettacolare prova di media con soli tre controlli di passaggio, che si svolgerà sulle strade del rally «Mille Miglia».
Ai vincitori andrà come semrpe in dono un'opera di Luisa Bifulco: quella di quest'anno si intitola «Testacoda». Lo scorso anno a meritarsela furono due big della specialità, quali Mario Passanante ed Elisa Buccioni su Autobianchi A112 Elegant, che si misero dietro Luca Patron e Massimo Casale su Renault R5 Alpine e Valerio Rimondi e Lidia Fava su Porsche 911 Targa. La gara si distinse anche per aver raggiunto il nuovo record in tema di iscritti, ben 107. Si riparte da questi numeri.






3)Stefano il 3/3/2013 scrive:
Gara davvero troppo lenta. 40 minuti di tempo imposto per 7 km di prova in tangenziale..
Da rivedere totalmente chi ha fatto tabella tempi e distanze.
2)otto il 24/2/2013 scrive:
ma se facevate una gara in un piazzale senza tanti spostamenti non era uguale ?
Sono le stesse prove ripetute quattro volte...!! Mi sembra una decisione davvero poco simpatica....... Buona fortuna lo stesso !!
1)lucadige il 4/3/2012 scrive:
FONTATA E SCARABELLI CON LA LORO PORSCHE 911 VINCONO LA SOLEGGIATA 19^ COPPA CITTA’ DELLA PACE

In una inusuale e calda parentesi di inzio primavera l’equipaggio Fontana – Scarabelli vincono al foto-finisch la 19^ edizione della Coppa Città della Pace.
Questa classica di inizio stagione si presentava fin dall’elenco iscritti come un prelibato antipasto della specialità, con ben 5 Top Driver, 10 Driver A molti altri classificati e alcuni equipaggi ex Top Driver, ora non classificati che potevano aspirare all’exploit vincente.
Le verifiche e la partenza si sono svolte nella nuovissima e centrale Piazza delle Foibe a Rovereto che, grazie al Patrocinio del Comune voluto dall’ufficio Sport del vulcanico assessore allo Sport Franco Frisinghelli coadiuvato dall’attivissima Carla Valduga, hanno dato una cornice degna e spettacolare alle operazioni preliminari e alla prima PC.
Partiti puntuali alle ore 11, subito problemi purtroppo all’equipaggio Scapin-Morandi che rompevano…….. il pulsante del cronometro condizionando fin da subito la loro gara.
Subito iniziava una delle edizioni più combattute della storia della manifestazione dove almeno 10 equipaggi si contendevano la vittoria a suon di netti e passaggi al di sotto dei 3 centesimi.
Si issava al comando immediatamente uno fra i più temuti ex Top, l’equipaggio veronese Salvetti-Salvetti che facevano della regolarità la loro arma tanto che a metà gara, dopo 13 PC, passaggi in cantine per aperitivi e ritiro omaggi e la spettacolare sosta pranzo presso Castel Toblino, la loro media penalità risultava al di sotto del 3 centesimi.
Alle loro spalle si scambiavano spesso le posizioni di rincalzo che vedevano dopo un predominio di Mozzi-Biacca e Gandolfi-Frignani con qualche passaggio fuori media, si parla sempre al massimo di 6/7 centesimi ….., passavano nelle immediate retrovie del podio sorpassati da Aliverti, Mezzadri, Clerici e Fontana.
Nella seconda parte della gara, dove anche qui non sono mancati omaggi e rinfreschi, Armando Fontana a suon di passaggi cominciava la sua rimonta e grazie a uno dei pochi passaggi meno precisi di Salvetti a metà della tappa di rientro (un 10) passava al comando.
Anche la Mini di Aliverti rimaneva in scia ipotecando se non altro il terzo posto mentre per le successive posizioni la lotta rimaneva incandescante.

Accortasi dell’errore la famiglia Salvetti, padre e figlio, ricominciava a testa bassa a fare passaggi al limite del netto ma Fontana rimaneva costante e solo per 3 centesimi sul traguardo del bellissimo Corso Bettini, di fronte la Mart di Rovereto, tagliavano vittoriosi il traguardo.
Vinceva quindi la Porsche 911 sc del 1968 dell’equipaggio Fontana – Scarabelli, che difendono i colori della bolognese Scuderia Nettuno, con sole 97 penalità (media 3,7), seguiti appunto per sole 3 penalità dalla Lancia Fulvia HF di Paolo e Nicola Salvetti (media 3,84) con il terzo gradino occupato dalla Mino Cooper di Aliverti-Maffi anche lui a sole 5 penalità dalla vittoria (media 3,92) che dimostra quanto sia stata combattuta tutta la manifestazione.
A seguire e sempre con medie da Top driver il quarto posto di Gandolfi-Frignano, Fiat 1100 a 13 penalità dalla vittoria (media 4,23), e la porche 356 di Clerici-Restelli a 16 penalità dalla vetta (media 4,46).
Questi ultimi si rifacevano vincendo la spettacolare gara ad eliminazione diretta, la Moro Cup intitolate all’indimenticato presidentissimo della scuderia organizzatrice Adige Sport, svoltasi in Corso Bettini.
Allegra spaghettata e premiazione all’interno della Caffetteria del Mart hanno concluso la giornata con la vittoria della Franciacorta Motori fra le Scuderie, dell’equipaggio Bignetti-Ciatti fra le dame e riconoscimenti per i sostenitori della manifestazione Dorigoni, Base Serramenti, Marangoni Pneumatici e Cassa Rurale di Rovereto oltre a tutti gli sponsor tecnici che hanno omaggiato i concorrenti di prodotti tipici locali.
Il saluto finale dell’Assessore allo sport del Comune di Rovereto Franco Frisinghelli ribadiva il sostegno dell’amministrazione alla manifestazione garantendo il patrocino all’edizione del ventennio del prossimo anno di cui è stata richiesta anche la validità per il Campionato Nazionale.

Altri commenti:   1  2  3  

Il podio della gara nella piazza del Mart Nuove leve dei Crono, perfetti in tutta la gara Foto Gianluca Baldessari

Gare d’Epoca.com - Corse auto d'epoca, mostre auto d'epoca, eventi auto d'epoca, raduni auto d'epoca
E’ proibita la riproduzione, anche parziale, senza un link a questo sito
Gare d’Epoca asd. - P. Iva 03147750982 -