NEWSLETTER
Ricevi ogni mese notizie su eventi e mostre

Accetto privacy
















La Mille Miglia 2014 si conclude baciata dal sole e qualche polemica

19 Maggio 2014
La Mille Miglia 2014 si conclude baciata dal sole e qualche polemica


Una Mille Miglia baciata dal sole per ben quattro giorni, quasi incredibile. 450 auto storiche di altissimo livello hanno attraversato l’Italia con passaggi nei centri storici più belli del Mondo.
Macerata e Lucca le cittadine premiate come maggior calore di pubblico, la più toccante sicuramente L’Aquila. Dal punto di vista dello spettacolo non ci sono dubbi la Mille Miglia ha un potenziale enorme.
Purtroppo quest’anno si sono rilevate alcune polemiche.

La prima: Il vincitore contestato da quasi tutti i migliori piloti di regolarità italiani ed esteri per essere stato “favorito” con un coefficiente alto peraltro con un’auto rifiutata per ben due volte in passato. (Coefficiente cambiato il giorno delle verifiche)

La seconda: Il percorso molto lungo forse troppo specialmente nella seconda tappa. In tanti non sono riusciti nemmeno a pranzare per le tempistiche ed il traffico. Lenti i traferimenti dal centro di Roma agli hotel.
Quasi 100 auto su 450 non sono arrivate in fondo alla gara che prevedeva un percorso di 1900 KM

Ecco le dichiarazioni dei vincitori:

1°class - Giordano Mozzi a bordo della sua Lancia Lamda 221 spider ca.sa.ro. del ’28 con al fianco Stefania Biacca: “E’ stata una gara molto toccante soprattutto per il passaggio all’Aquila: vedere una città ferita e in fase di ricostruzione per me che sono di Mantova mi ha fatto ripensare ai giorni dell’alluvione nelle mie zone. Molto scenografico il passaggio a Pisa e Lucca con le città in festa

3°class - Giovanni Moceri e Tiberio Cavalleri. Aston Martin Le Mans 1933. Siamo soddisfatti del piazzamento considerando che siamo rimasti coinvolti in un incidente. Piu' di così non si poteva fare. Questa gara sicuramente premia la macchina rispetto all'abilità del pilota. Gara falsata.

1° classifica femminile - Francesca Grimaldi nota giornalista italiana, alla sua decima Mille Miglia, si è aggiudicata il primo posto tra i team femminili a bordo della sua Jaguar XK 120 OTS del ‘49 in coppia con Lucia Fanti:  “Dalla prima Mille Miglia ad oggi è cambiato tutto. Prima era un salotto noto soprattutto agli amatori, era una gara difficile ma meno estenuante di oggi. Dall’edizioni Casali-Bonelli a partire dal 2008 la corsa è diventata molto più agonistica, sono aumentate le prove speciali. L’edizione 2012 era perfetta sul piano del rapporto tempi-distanze. Bella l’idea di passare quest’anno da tre a quattro giornate di gara arrivando a Brescia ad ora di pranzo con la città in festa. Va detto però che con una tappa in più e medie imposte così stringenti costringono chi - come me - è qui per vincere a ritmi estenuanti e velocità da brivido: si dorme 2 ore a notte, si guida per 18 ore di seguito e si guidano auto storiche come la mia di 6 metri con freni poco efficaci e pezzi che di volta in volta cedono. Le medie imposte tra distanza e tempi quest’anno sono troppo alte: si è passati da 35 a 50 km/h costringendoci a recuperare con velocità elevate, mentre l’ideale è 38-40 a seconda del tipo di percorso.


Di seguito vi riportiamo la classifica ufficiale e le foto più belle



classifica_ufficiale_2014.pdf


1)NON SIAMO FESSI il 10/6/2014 scrive:
GARA RUBATA, VINTA CON MACCHINA FALSA E SCARTA PER 2 ANNI ALLA MILLE MIGLIA. ORGANIZZATORI E VINCITORI, DOVREBBERO VERGOGNARSI, GARA DI LADRI. GARA CHE NON HA VALORE TECNICO NEL MONDO DELLA REGOLARITA'. GARA PER FURBETTI CHE FANNO ACCORDI SOTTOBANCO PER VINCERE.

Gare d’Epoca.com - Corse auto d'epoca, mostre auto d'epoca, eventi auto d'epoca, raduni auto d'epoca
E’ proibita la riproduzione, anche parziale, senza un link a questo sito
Gare d’Epoca asd. - P. Iva 03147750982 -